Ciao, sono bollino!

Rispettate i ritmi del sonno! Ne va del vostro buonumore!

Tempo di lettura: 5 minuti
Rispettate i ritmi del sonno Ne va del vostro buonumore
Ognuno ha i suoi ritmi e i suoi bisogni. Ci sono persone che si sentono perfettamente riposate dopo poche ore di e altre che invece hanno necessità di vere e proprie “overdose” di sotto le lenzuola per sentirsi riposati. Quindi per ogni individuo, e nelle diverse età e fasi della vita, esiste un “percorso” di riposo ideale. Ciò che più conta, in ogni modo, è alterare il meno possibile il ritmo sonno-veglia, che può essere modificato dalle necessità lavorative oppure dalle ansie che attanagliano la mente e rendono un’impresa difficile finire tra le braccia di Morfeo.
Detto che in questo secondo caso  i farmaci da banco a base di passiflora e valeriana possono essere di grande aiuto per aiutare il riposto e contrastare lo stress temporaneo, legato, magari, a un impegno particolarmente probante sul lavoro, oppure per l’ che spesso si manifesta anche con disturbi che interessano stomaco e intestino (l’asse apparato digerente-cervello che si fa “sentire” in caso di periodi faticosi e preoccupazioni!), non bisogna mai dimenticare quanto le modificazioni dei ritmi del sonno nel tempo possano incidere pesantemente sul benessere psicofisico. Non ci credete? Provate a leggere i risultati di una ricerca apparsa su Lancet Psichiatry e condotta all’Università di Glasgow. Lo studio ha provato a capire cosa succede, nel tempo, a chi dorme poco, malamente, interrompe il sonno oppure è costretto a turni lavorativi che impediscono il regolare riposo notturno. Stando ai risultati dell’indagine, che ha preso in esame più di 90.000 persone che hanno indossato un sensore capace di registrare la differenza tra i livelli di attività nei momenti più dinamici della giornata e nei periodi di riposo, quanto più si è “agitati” di notte tanto maggiori sono i rischi di andare incontro a disturbi psicologici, dalle forme di vera e propria fino al “semplice” umore instabile. Lo studio offre una serie di indicazioni importanti sul valore del sonno e della qualità del riposo sul nostro benessere psichico e fisico.
Se attraversate un periodo di stress o comunque di tensione emotiva, cercate quindi di rispettare il vostro bisogno di riposo. 
Una prima semplice regola di buon senso è “staccare il cervello”! Per cui, innanzitutto cercate di andare a dormire quando siete stanchi e, per aiutarvi a riposare, abbandonate la tecnologia (l’abbiamo detto più volte la luce di smartphone e tablet stimola e affatica gli occhi e non favorisce il rilassamento) per leggere oppure, già al buio ascoltare della musica rilassante. Seguire la storia di un libro o una melodia possono aiutarvi a distrarvi e ad addormentarvi più velocemente.

News correlate

Riposare bene vuol dire proteggere il cuore
Farmaci di automedicazioneNews
L’insonnia mette a rischio il cuore e il cervello.A dirlo è una ricerca apparsa su European Journal of Prev...
In vacanza, connessi ma non troppo!
NewsStress
Con le vacanze, cercate di staccare la spina, dal lavoro, dallo studio ma anche dalla tecnologia. L’iper con...
Dormi poco: e se fosse responsabilità dei geni?
News
Ci sono persone che non riescono a rimanere a letto per più di sei ore e poi si svegliano. Magari vanno a dor...